Ensemble di musica medievale

La Lauzeta

Cristina Calzolari

Voce, arpa gotica, Clavisymbalum

Clara Fanticini

vielle

Francesco Gibellini

Organo portativo, tromba da tirarsi, citola


Home          Gli Strumenti           Programmi             Audio e Video            Calendario             Galleria              Stampa            Contatti  

I musicisti

La Lauzeta si fonda sul rigore filologico degli strumenti musicali impiegati: uno dei musicisti, Francesco Gibellini, ne è infatti il costruttore (laboratorio Antiqui Instromenti). Lo studio delle fonti iconografiche finalizzato alla ricostruzione va di pari passo all’approfondimento della prassi esecutiva. L’ Ensemble dispone dunque di una grande quantità di strumenti; questo fatto, grazie anche alla multiformità dei musicisti, garantisce molta varietà timbrica ed espressiva. La Lauzeta ha esordito in alcune rassegne emiliane (L’Orecchio del Sabato - RE, Convivio Musicale - RE, Armoniosamente - MO, Stagione Concertistica del Duomo di Modena - MO). Il noto critico d’arte del Sunday Times Waldemar Januszczak li ha voluti per il documentario che ha prodotto con la sua ZCZ Films per la BBC sul Rinascimento italiano, per mettere in parallelo i dipinti e le ricostruzioni degli strumenti (“Renaissance Unchained”, in onda su BBC da febbraio 2016). La Lauzeta può già vantare appuntamenti nei maggiori festival svizzeri, come Cantar di Pietre e Saison musicale Theatre du Martolet. Vincendo il bando Giovani artisti per Dante, La Lauzeta ha tenuto una serie di concerti per il Ravenna Festival nel maggio 2016. L’ Ensemble è stato ospite in autunno 2016 della rassegna Svizzera Cantar di Pietre e di quella fiorentina Concerti al Cenacolo. La Lauzeta si occupa anche di progetti didattici realizzati in collaborazione con l' Istituto Superiore di Studi Musicali "A.Peri e i Licei "Ariosto-Spallanzani" di Reggio Emilia e si preoccupa di diffondere la musica medievale con lezioni-concerto nelle scuole.

Nata a Reggio Emilia, dopo la maturità ha proseguito gli studi musicali conseguendo il diploma in pianoforte presso il Conservatorio C. Pollini di Padova e il diploma in canto presso l’Istituto Musicale Pareggiato O. Vecchi di Modena.  Collabora stabilmente con il Coro della RSI di Lugano diretto da Diego Fasolis, il Coro del Teatro Comunale di Bologna e il Coro del Teatro Comunale di Firenze, con i quali ha effettuato tournée nei maggiori teatri e festival di Spagna, Inghilterra, Germania, Belgio, Finlandia e Giappone. Come solista ha lavorato con direttori quali Antonio Florio, Rinaldo Alessandrini, Alan Curtis, Kees Boeke,  Andrew Lawrence-King, Ruben Jais, Reynald Giovaninetti, Roberto Balconi e ha registrato per le case discografiche OPUS 111, Chandos, Tactus, Naxos, Symphonia, Arcana, Glossa, Naive.

Ha debuttato nei ruoli di Proserpina e Speranza nell’Orfeo di Monteverdi a Madrid (replicato poi in Germania, Austria, Gran Bretagna, Israele,  USA nonché trasmesso su Rai-Radio Tre Suite e pubblicato nella collana dedicata all’opera lirica del Corriere della Sera) sotto la direzione di Claudio Cavina.  E’ attualmente impegnata in una serie di concerti con l’ensemble di musica medievale La Reverdie, l’ensemble Adistema, Fantazyas  e  La Lauzeta, coi quali ha effettuato dirette radiofoniche per la RAI e per la RETE 2 della Svizzera Italiana (I concerti del Quirinale, Quilisma, Piazza Verdi). Fa parte dell’ensemble vocale Il canto di Orfeo diretto da Gianluca Capuano con cui ha cantato nell’opera Cuore di cane rappresentata al Teatro alla Scala di Milano e al Teatro dell’Opera di Lione lo scorso gennaio; ha inoltre preso parte alla produzione di Norma presso il Festival di Salisburgo per la direzione di Giovanni Antonini. Ha insegnato Canto Corale e Propedeutica musicale presso l’Istituto Musicale Pareggiato C. Merulo di Castelnovo ne’ Monti, inoltre ha insegnato Materie musicali di Base presso l’Istituto Musicale Pareggiato A. Peri di Reggio Emilia. Attualmente - oltre a un progetto di musica medievale col coro del Liceo Classico L. Ariosto di Reggio Emilia sfociato nell’ideazione e realizzazione dello spettacolo Agnese, un Mistero medievale . Dirige il coro di voci bianche del Sistema Italiano delle Orchestre che ha partecipato in diretta televisiva su RAI 1 al concerto di Natale del Senato 2013 e al cinquantesimo anniversario della fondazione dell’Istituto Gemelli a Roma, sempre sotto la direzione d’orchestra di Nicola Piovani. Si è dedicata anche all’esecuzione musicale nell’ambito del teatro di prosa e in questa veste ha collaborato con attori e registi quali Giorgio Albertazzi, Pamela Villoresi, Gerard Depardieu, Alessandro Preziosi. Inoltre, con il gruppo teatrale MaMiMò realizza progetti di teatro e musica per i ragazzi delle scuole superiori di Reggio Emilia. Per conto del festival Soli Deo Gloria ha ideato e realizzato la rassegna Il maggio del fortepiano, incentrata sull’esecuzione liederistica con strumenti originali.

Clara Fanticini, dopo aver iniziato gli studi di violino presso l'istituto Musicale di Reggio Emilia sotto la guida di Alessandro Ferrari, si è diplomata al Conservatorio di musica ‘A. Boito’ di Parma a pieni voti nella classe di Luca Fanfoni. Sempre a Parma ha poi conseguito nel 2014 il Diploma Accademico di II livello con 110 e lode, perfezionandosi poi con Enzo Porta, Carlo Costalbano, Aldo Campagnari. I suoi interessi spaziano dalla musica medievale a quella contemporanea, portandola ad approfondire lo studio e a frequentare i repertori del violino e dei suoi antenati su strumenti d’epoca o ricostruzioni storiche, con proprietà filologica, dedizione e curiosa serietà.

Ha frequentato masterclasses di musica barocca con Chiara Banchini, Luigi Mangiocavallo, Susanne Scholz, Enrico Gatti. Ha suonato in diverse rassegne col suo gruppo barocco Collegium In Armonia Salus; suona nei gruppi barocchi Capella Regiensis, Canalgrande Adriatic Baroque Orchestra (con la quale si è esibita nel Cantar Lontano Festival -Ancona), Orchestra Voxonus (Teatro di Savona), Dolce Concento Ensemble (concerto del Ravenna Festival 2015 trasmesso su Rai-Radio3). Ha suonato con Gemma Bertagnolli, Sara Mingardo, Marco Mencoboni, Luca Fanfoni, Valéry Oistrakh e come solista con Susanne Scholz, Gabriele Cassone e Monica Piccinini. Ha seguito master di musica contemporanea con Helmut Lachenmann, Danilo Grassi ed Enzo Porta. Ha collaborato insieme a Enzo Porta alla realizzazione dell’elettronica di una composizione per la rassegna Traiettorie - Parma. È violinista del Dynamis Ensemble, con cui ha eseguito opere di Harvey e Donatoni (Il suono occulto – PR 2013 e 2014). Nel 2014 è stata guest artist presso il SoundSCAPE International festival di Maccagno - VA, dove ha eseguito musiche di György e Lukas Ligeti alla presenza dello stesso Lukas. Ha suonato con solisti quali Luca Fanfoni e Valery Oistrakh. E’ stata selezionata nel 2015 dal Conservatorio di Bolzano come esperta di viella per il progetto dell’ensemble medievale Di Ganzen Musica e ha preso parte al Ravenna Festival 2016 con l’ensemble medievale Korymbos diretto da Alessandra Fiori. Insegna violino presso la scuola di musica Four di Modena.

Nato a Sassuolo nel 1987, Francesco Gibellini si diploma brillantemente in tromba nel 2009 presso il Conservatorio di musica ‘A. Boito’ di Parma, nel 2011 consegue presso lo stesso istituto il Diploma Accademico di II livello in Tromba con valutazione 110 e lode, presentando una tesi sui trattati del Seicento riguardanti la tromba naturale. Collabora con formazioni orchestrali quali: Orchestra Sinfonica ‘A.Toscanini’, Orchestra regionale dell’Emilia Romagna, Orchestra del teatro Regio di Parma, Orchestra sinfonica di Savona, Filarmonia Veneta, Virtuosi Italiani. Si esibisce regolarmente come solista e in gruppi di musica da camera coprendo un repertorio che va dal Seicento alla musica contemporanea. E’ insegnante di tromba presso le scuole di musica: Four (MO), Scuole Medie Musicali ‘G.Paoli’ (MO), Scuola di musica Comunale di Sassuolo (MO).

Per quanto riguarda la musica antica eseguita con strumenti storici collabora con Ensemble quali: Zefiro Ensemble, Ensemble “Gambe di Legno”, Ensemble il Falcone, Ensemble Voxonus, coi quali si è esibito in Italia e all’estero e a preso parte a registrazioni discografiche. Ha di recente partecipato al Ravenna Festival 2015 con l’orchestra barocca Dolce Concento Ensemble (concerto prossimamente trasmesso su Rai-Radio3). Parallelamente allo studio della tromba ha da sempre coltivato la passione per le tastiere antiche in particolare per l’organo e il clavicembalo nel biennio 2009-2011 studia clavicembalo e basso continuo presso il conservatorio di Parma. Si è esibito in numerosi concerti sia come solista sia come accompagnatore al cembalo e all’organo in ensemble e in formazioni solistiche. La sua curiosità e duttilità parallelamente con la ricerca filologica lo hanno condotto alla ricostruzione di strumenti musicali del medioevo secondo le fonti storiche iconografiche. Dal 2014 ha avviato una attività professionale di costruzione strumenti musicali (Laboratorio Antiqui Instromenti), che lo ha portato a realizzare ad oggi: 26 organi portativi, 18 vielle, 6 clavisymbalum, 1 organo positivo medievale. I suoi strumenti sono particolarmente apprezzati in Francia, Spagna, Inghilterra, Svizzera sia da privati musicisti che dai conservatori (Conservatoire National Supérieur de Lyon). E’ docente di tromba presso il Liceo musicale di Parma “Bertolucci”.